Se niente importa. Perché mangiamo gli animali? di Jonathan Safran Foer

di Blogger Commenta

<img src="http://www.mondolibriblog.com/wp-content/uploads/2011/10/Se-niente-importa-Perché-mangiamo-gli-animali-di-Jonathan-Safran-Foer-194×300.jpg" alt="" title="Se niente importa Perché mangiamo gli animali di Jonathan Safran Foer" width="194" height="300" class="left"importanza nella nostra alimentazione quotidiana, sui motivi per cui mangiamo carne.
Il saggio, che si rivela poi un vero e proprio racconto dei ricordi della nonna e della sua cucina, parte appunto dai ricordi d’infanzia per dipanarsi via via in una vera e propria disquisizione sul consumo abituale di carne. Come dice lo stesso autore, il ”saggio” è un libro sulla famiglia anche se poi conduce al discorso se consumare oppure no la carne che ci viene da soggetti incapaci di difendersi per finire poi nel nostro piatto.

Il discorso parte quindi dal ricordo della nonna, una donna che, scampata all’Olocausto e quindi dopo aver provato la fame per davvero, aveva un’unica, grande preoccupazione: che il nipote mangiasse abbastanza. È il risultato psicologico di una terribile esperienza vissuta, la preoccupazione di chi è quasi morto di fame durante la guerra, ma che è stato capace di rifiutare la carne di maiale che l’avrebbe tenuto in vita perché non era cibo kosher, secondo la tradizione ebraica.
Quando diventa padre, Foer ripensa a questo insegnamento e comincia a domandarsi cosa sia la carne e perché mangiarla, perché ora deve nutrire suo figlio e vuole che la sua alimentazione sia sana, ma carne sì carne no diventa il suo dubbio. E così inizia la sua indagine che l’ha condotto negli allevamenti intensivi, dove ha assistito alle inaudite violenze sugli animali e ai metodi con i quali vengono uccisi per diventare il nostro cibo quotidiano.
Peraltro la domanda è: la carne fornisce all’organismo le proteine di cui ha bisogno, si può eliminare completamente dalla nostra alimentazione senza danni per la salute? Troppa carne porta al colesterolo e alle malattie cardiovascolari, ma un’alimentazione solo vegetariana è sufficiente a fornire al nostro organismo tutte le sostanze di cui ha bisogno ”per star bene”, non per gozzovigliare?
Come per tutte le cose, in medio stat virtus: un’alimentazione sana ed equilibrata, che non escluda nessun alimento di base, è la scelta più indicata per un sano vivere. E soprattutto alternare i cibi, diminuire ma non abolire il consumo di carne, consumare verdura e frutta di stagione.
Jonathan Safran Foer ha il merito di aver rotto il segreto professionale degli allevamenti industriali e di portare a nostra conoscenza una realtà che non avremmo neppure immaginato. Per consentirci tra l’altro di fare scelte più consapevoli, ma anche di porre agli allevatori un quesito: è proprio impossibile evitare mezzi tanto violenti per abbattere ”le bestie da macello?”
L’AUTORE
Jonathan Safran Foer
è nato a Washington nel 1977 e vive a New York. Ha frequentato la Princeton University dove gli sono stati assegnati vari premi di scrittura creativa. Ha pubblicato su “Paris Review”, “Conjunctions”, e “The New Yorker”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>