La voce del destino di Marco Buticchi

di Blogger Commenta

Oswald Breil salva per caso un’anziana clochard da un tentativo di rapimento.
Per proteggere quella donna alla deriva e senza un tetto, Oswald Breil la conduce nella sua casa galleggiante, il magnifico e storico yacht Williamsburg. Qui la donna, rilassata e confortata da una presenza amica, racconta a Oswald Breil e Sara Terracini la storia del suo misterioso passato. Un passato di gloria, di successi e di platee osannanti alla “voce più bella di sempre”. L’anziana clochard è infatti il grande soprano Luce De Bartolo, costretta a una vita vagabonda per sfuggire a chi la perseguita fin da quando, ragazza, in Argentina ha incrociato la sua vita con quella di Evita Duarte, futura moglie del colonnello Juan Domingo Perón.

Ma quale potente segreto custodisce questa misteriosa donna? La sua storia inizia nell’Argentina fra le due guerre e racconta la straordinaria amicizia fra Luce De Bartolo, il soprano più famoso al mondo, ed Eva Duarte, una tra le donne più ammirate di tutti i tempi, che sposa il colonnello Juan Domingo Perón. Stiamo parlando di quel mito intramontabile che fu Evita.
Le due amiche hanno grandi soddisfazioni dalla vita, ma vivono anche tragedie e violenze a causa del nazismo. Siamo infatti ai tempi del Reich e proprio in Argentina il male nazista, dopo la sconfitta, trama la sua rinascita attraverso l’ascesa di Juan Domingo Perón. Ma i suoi progetti vanno oltre, vanno alle inviolabili stanze delle alte sfere del Vaticano e della finanza più spregiudicata.
Il male nazista è pronto a risollevarsi, ma ha bisogno soltanto di una chiave: quella che custodisce una donna sopravvissuta con coraggio a tutte le vicissitudini della sua vita e del suo destino. Il terribile segreto viene confidato a Luce De Bartolo proprio da Evita Perón in persona: è un segreto che coinvolge i nazisti fuggiti in Argentina dopo la caduta del Terzo Reich. Ed è per questo segreto che la povera Luce è costretta ad una vita randagia.
L’AUTORE
Marco Buticchi
è nato alla Spezia e ha viaggiato moltissimo per lavoro, nutrendo così anche la sua curiosità, il suo gusto per l’avventura e la sua attenzione per la storia e il particolare fascino dei tanti luoghi che ha visitato. È il primo autore italiano pubblicato da Longanesi nella collana «I maestri dell’avventura», accanto a Wilbur Smith, Clive Cussler e Patrick O’Brian. A dicembre 2008 è stato nominato Commendatore dal Presidente della Repubblica per aver contribuito alla diffusione della lingua e della letteratura italiana anche all’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>