“Notte Fonda” il nuovo libro di Paolo Bonolis

Un uomo e una donna, marito e moglie, escono da un “apericena” e si avviano a piedi verso casa. Era tanto che non passeggiavano insieme e l’occasione è quella di parlare a ruota libera. A lei fanno male le scarpe, ma lui le trova seducenti. Dalle minime cose si fa in fretta a passare ai massimi sistemi nel ping pong verbale. Il Cupolone, cioè la Chiesa, ci opprime o ci incanta? L’Onnipotente: chi è o cos’è? Quando arrivano a casa, il dialogo serrato non si interrompe e basta gettare lo sguardo nella stanza del figlio, al momento in gita scolastica, per veder sorgere delle preoccupazioni, tra un poster di Sferaebbasta e un paio di sneakers dal prezzo astronomico: perché vuole lasciare l’istituto cattolico? Perché se ne sta sempre solo? Da lì, marito e moglie tornano su loro stessi e sulle reciproche gelosie: chi è Mizuko e chi è Rocco, il bagnino che lei ha ripescato su Facebook? Lo scambio di battute lascia senza fiato e intanto i due mangiano, bevono, fanno l’amore. E riprendono a parlare di tutto, dei danni della tecnologia e di scorpacciate di sushi. Per tutta la notte. Fino al mattino.

Il noto presentatore televisivo ha scritto un altro libro che si intitola Notte Fonda. Quella che avete letto poc’anzi è la sinossi del romanzo stesso. Se volete acquistarne una copia potete farlo cliccando qui al costo di 17,50 euro in copertina rigida oppure 9,99 euro in formato kindle. Per chi se lo fosse perso o non lo sapesse Paolo Bonolis aveva già scritto un altro libro, sempre pubblicato da Rizzoli intitolato “Perché parlavo da solo” e potete acquistarlo cliccando qui al costo di 12,35 euro formato copertina flessibile oppure 7,99 euro formato kindle. Viene descritto come “Un romanzo, ma anche una storia dagli odori caserecci di una famiglia come altre che nel quotidiano trova affetto, ma anche preoccupazioni.” Il libro è composto da 192 pagine ed è uscito il 4 ottobre 2022.

Chiaramente un prodotto destinato ai fan di Bonolis che di sicuro non sono pochi. Il presentatore ha dato modo di farsi conoscere negli anni come una persona sagace e soprattutto capace di usare le parole, siamo dunque sicuri che a prescindere da quanto siate fan o meno di Bonolis, Notte Fonda potrà sicuramente essere il vostro nuovo libro da leggere. Vi abbiamo convinti? Bene allora visitate la pagina di Amazon per procedere all’acquisto nella speranza di avervi dato un buon consiglio.

“Io sono Giorgia” il libro sulla Meloni

“Vabbè dai allora anche io posso scrivere un libro, anzi comincio proprio adesso” siamo sicuri che questa è stata la prima cosa che avete pensato quando avete letto il titolo ed aperto questo articolo. Sicuramente Giorgia Meloni non è l’unico personaggio inusuale che scrive un libro, arte ormai finita in mano a scellerati che scrivono ogni cosa pur di ricavarne qualcosa. Comunque questo è “Io sono Giorgia” iconica frase ormai slogan della principale rappresentante del partito Fratelli D’Italia.

Il titolo ormai deriva dal noto tormentone della frase esclamata dalla Meloni durante un comizio. Una frase che l’ha lanciata nel mondo dei meme tanto da essere state create delle canzoni. Dalla musica alla lettura, ormai la Giorgia Nazionale è un’artista a tutto tondo. Il libro è edito da Rizzoli e costa sui 18 euro. Lo potete trovare nelle librerie fisiche come Feltrinelli e Mondadori, ma anche sui grandi e-commerce come eBay ed Amazon. Insomma se davvero, ma davvero, vorreste comprarlo non avete scampo, il volto della Meloni sarà praticamente ovunque. È comunque dal successo musicale e fenomeno pop di cui si è trovata rappresentate, che Giorgia Meloni ha deciso di scrivere il libro come spiega anche nell’introduzione dello stesso:

Quel curioso connubio tra comizio e musica da discoteca, con tanto di balletto montato ad arte, spiccò il volo nelle visualizzazioni rendendomi popolarissima, soprattutto tra i nati dopo il 2000. Quella che doveva essere un’arma contro le mie idee era diventata, per paradosso, un potentissimo amplificatore per propagarle. E di colpo mi aveva trasformato da noioso esponente politico a curioso fenomeno pop. È stato quel pezzo la ragione per la quale mi sono convinta a scrivere questo libro. Da allora ho visto troppa gente parlare di me e delle mie idee per non rendermi conto di quanto io e la mia vita siamo in realtà distanti dal racconto che se ne fa. E ho deciso di aprirmi, di raccontare in prima persona chi sono, in cosa credo, e come sono arrivata fin qui.

Di cosa parla il libro? Se possiamo usare una terminologia che descriva perfettamente l’autobiografia, la politica, gli errori e le mancanze nella vita di una persona, in questo caso di Giorgia Meloni, allora il termine giusto è “Formazione”. Infatti il libro spiega come una donna, nonostante un passato non proprio facile causa mancanza del padre, nonostante le gaffès fatte da lei e gli scivoloni del partito a cui appartiene, essa possa trarne una sorta di formazione e continuare a ‘fare’.

 

Aspettando “Una grande storia d’amore”

Dopo una lunga estate in cui la pubblicazione editoriale ha subito le conseguenze della pandemia, finalmente gli autori italiani rientrano in scena, riprendendosi lo spazio che era stato loro sottratto.

Il titolo che vi mostriamo oggi è il nuovo lavoro dell’autrice Susanna Tamaro (la ricordiamo per Va’ dove ti porta il cuore). Si tratta del romanzo Una grande storia d’amore (pubblicato da Solferino) atteso per il 17 settembre prossimo. Per il nuovo lavoro dell’autrice c’è stata una vera e propria sfida tra illustratori da ogni parte del continente per disegnarne la copertina, vinta da Julia Hosse, illustratrice per case editrici di origini berlinesi. Vediamo la descrizione del libro:

Edith e Andrea, una giovane un po’ trasgressiva e un capitano molto rigoroso, si incontrano per caso su un traghetto, tra Venezia e la Grecia. Un evento minimo dei tanti di cui è fatta la vita. Ma la loro cambia per sempre. Dapprima c’è il rifiuto: come possono, loro così diversi, sentirsi attratti l’una dall’altro? Poi le fasi alterne di un amore dapprima clandestino, le avventure di una lunga separazione, il pericolo di un segreto, una felicità inattesa e una grande prova… E infine l’isola, piena di vento e di luce, dove i due vanno ad abitare ristrutturando una vecchia casa abbandonata. L’isola dove ora Andrea si ritrova solo. I dialoghi veramente importanti, però, non si esauriscono mai: mentre la cura quotidiana del giardino e delle api dell’amata moglie lo aiuta a tornare alla vita, Andrea continua a parlare con lei. Le racconta, con tenerezza e passione, la loro grande storia d’amore. E le promette che ritroverà la figlia, Amy, che da troppo tempo ha interrotto i rapporti con i genitori. Forse è possibile ricominciare, riscoprirsi famiglia, nonostante i dispiaceri e le scomode verità?
Una storia semplice eppure deflagrante, che ci pone domande fondamentali: sui legami che forgiamo tra le anime, sulla nostra capacità di cambiare, sul destino che unisce e separa. Quando ci sembra di aver perso la capacità di stupirci, cercare la luce, prenderci cura, è il cuore che tace o solo noi che non lo sappiamo ascoltare? Un romanzo potente, intenso, ricco di saggezza, capace di segnare la strada per la rinascita che tutti cerchiamo.

Il fico di Betania: il noir biblico di Alberto Garlini

“Il fico di Betania” di Alberto Garlini è un noir biblico che racconta con straordinaria efficacia il limite, tragico ed evanescente, dei rapporti fra uomo e Dio, accomunati da un fragile destino. Garlini si ispira alla parabola della maledizione del fico raccontata nei Vangeli di Marco e di Matteo.

È stata la casa editrice Aboca a lanciare l’idea a Garlini di scrivere un romanzo che avesse un albero al centro della storia. Lo scrittore ha quindi scelto la parabola del fico di Betania, un albero che Gesù una notte maledì perché non aveva frutti da offrigli.

Garlini intreccia il mistero della maledizione dell’albero con quello che avvolge l’esistenza di un giovane di Gerusalemme e il suo rapporto con Dio. Viene così descritta la figura immaginaria di Simone, figlio di Taddeo, affiliato alla setta degli zeloti, che si nasconde sotto falso nome in un casolare di campagna.

In gioventù ha commesso molti crimini e quando quella mattina si trova di fronte al fico incenerito nel suo podere, lo interpreta da una parte come un segno di sventura che lo costringe a fare i conti con il proprio passato tenebroso, dall’altra come il simbolo di una vita, la sua, innestata in una storia più grande, resa santa dall’intervento del Dio di Israele.

Simone è attratto dall’autorevolezza e dal fascino di Gesù e, forte della sua consuetudine con la violenza, ne percepirà la morte imminente e l’afflato verso una salvezza venata di disperazione. Come se l’autore volesse dire che: “uomini e dei non vivono in sfere differenziate ma sono accomunati da un fragile destino”.

Simone era un omicida, colpiva nei vicoli non per il piacere di procurare la morte, ma per il bisogno di provocare Dio. Il timore di essere arrestato dai Romani lo mette in fuga. Dopo essere riuscito a salvare solo la figlia Ester, cambia identità e trova riparo presso una comunità zelota e in un casolare decrepito in Betania.

Qui cresce la piccola Ester e ammira l’albero di fico che dà i suoi frutti. Ma una mattina trova il fico incenerito e di fronte a questa immagine intravede la sua rinascita, il cambiamento, il lasciarsi alle spalle un passato di violenza, che aveva sia procurato che subìto. Da qui rivolge un nuovo sguardo proiettato verso il futuro. Si condanna per il suo passato, si interroga sul suo futuro e prova a germogliare ancora come l’albero.

“Il Fico di Betania” (ed. Aboca, euro 14,00) va ad arricchire “Il bosco degli scrittori”, progetto editoriale di Aboca in cui gli alberi sono l’espediente per raccontare l’uomo e il mondo con la sensibilità di alcuni tra gli scrittori italiani più talentuosi.

“Da sempre le piante – afferma Aboca – esercitano una profondissima fascinazione sull’attività creativa degli scrittori. Con poche eccezioni, si potrebbe dire che ognuno di loro abbia legato a un albero, reale o immaginario, una parte spesso rilevante della sua opera. Questa serie di libri consentirà ad alcuni tra gli scrittori più interessanti e consapevoli del nostro panorama letterario di raccontare il mondo, il loro e il nostro, proprio a partire da un albero”.

Alberto Garlini è nato a Parma nel 1969. Vive a Pordenone. Ha pubblicato Una timida santità (Sironi, 2002) e Fútbol bailado (Sironi, 2004), Tutto il mondo ha voglia di ballare (Mondadori, 2007), La legge dell’odio (Einaudi, 2012), tradotto in Francia da Gallimard, e Piani di vita (Marsilio, 2015). È tra i curatori della manifestazione culturale Pordenonelegge.

Fino al 9 maggio Mondadori propone 6 ebook a 2,99 euro

Appassionati divoratori di libri, abbiamo una buona notizia per voi. A partire da 29 aprile e fino al 9 maggio 2017 Mondadori ha pensato ad una speciale promozione. L’offerta è quella di poter acquistare sei ebook al prezzo speciale di 2,99 euro al posto di 6,99 euro.

I libri sono tutti romanzi riuniti sono il nome di “L’amore è la cura” e trattano, argomenti abbastanza difficile che fino a qualche anno fa venivano raramente affrontati nella narrativa dedicata agli adolescenti. In questa selelzione di libri si parla invece di malattia, di morte, di depressione, di suicidio e di rapporti familiari complessi e e difficili, perfino di sesso sempre con grande sensibilità e anche un pizzico di ironia.

> EBOOK LIFE, IL PRIMO STORE DEDICATO AL BENESSERE

Si parte da “Fan della vita impossibile” di Kate Scelsa – che racconta quanto sia importante incontrare qualcuno che ti vede per quello che sei realmente – fino al recentissimo “Cose che non voglio dimenticare” di Lara Avery, passando per dei romanzi diventati ormai dei piccoli classici come “Resta anche domani” di Gayle Forman, da cui è stato tratto il film interpretato da Chloë Grace Moretz.

Ecco i titoli degli ebook da scaricare al prezzo di 2,99 euro:

– Lara Avery, Cose che non voglio dimenticare
– Gayle Forman, Resta anche domani
– Clélie Avit, So che sei qui
– Kate Scelsa, Fan della vita impossibile
– Jessi Kirby, Prima il cuore
– Katja Millay, Il tuo meraviglioso silenzio

Concorso Robinson di Repubblica: vince chi legge

A partire da oggi, domenica 16 aprile, si aprirà il concorso Vince chi legge di “Robinson“, l’inserto culturale del giornale Repubblica. Infatti da oggi e fino al 10 giugno, per otto settimane, Repubblica metterà in palio 485 buoni acquisto del valore di venti, cinquanta e cento euro, da spendere sul multistore online di Ibs.

Partecipare al concorso è semplicissimo. Basta avere una copia di Robinson e un telefono cellulare. A partire dal numero di domenica 16 aprile, all’interno dell’inserto troverete una domanda con tre possibili risposte. Ad ogni risposta è associato un codice numerico di tre cifre. Per sperare di essere sorteggiati e vincere il buono, dovrete rispondere correttamente alla domanda e inviare il codice della vostra risposta via sms al numero di telefono indicato accanto alla domanda. Un sistema automatico selezionerà i vincitori casualmente, tra quelli che avranno dato la risposta giusta. Ai vincitori sarà subito inviato un sms con le indicazioni per ottenere il buono acquisto.

> 3 GIALLI E THRILLER DA LEGGERE NELLA PRIMAVERA 2017

Ma il concorso “Vince chi legge” non finisce qui. Oltre ai premi settimanali ci sarà infatti una maxi estrazione finale tra i fedelissimi che avranno partecipato. Chi nell’arco delle 8 settimanel avrà risposto sempre in modo corretto alle domande, potrà partecipare all’estrazione conclusiva prevista per il 30 giugno 2017. In palio ci sono altri dieci buoni acquisto del valore di mille euro ciascuno, con cui poter acquistare libri sul sito di Ibs.

“Il diario del vampiro-10 romanzi in 1” di Lisa Jane Smith

Se il nome di Lisa Jane Smith vi suona famigliare è giusto che sia così: “Il diario del vampiro-10 romanzi in 1” che uscirà il prossimo 29 settembre anche in Italia non è altro che la raccolta dei testi che hanno fatto da base per la serie televisiva “The Vampire Diaries“.

Read more“Il diario del vampiro-10 romanzi in 1” di Lisa Jane Smith