Le notti sembravano di luna di Laura Bosio

di Blogger Commenta

 Caterina Guerra è una ragazzina di dieci anni che insegue un sogno: correre in bicicletta come i campioni del Giro.
Lei vive nell’epoca del miracolo economico italiano, in una piccola città della pianura vicino a un fiume. Un periodo ostico per le donne, perché proprio in quel periodo per le donne è off limits diventare corridori. Figuriamoci…roba da uomini, pensavano ai tempi. O forse Caterina preferisce ignorare i tabù assurdi e coltivare il suo sogno, perché solo in bicicletta riesce a provare una felicità immensa.

Caterina abita in un piccolo appartamento di periferia, aperto su cortili, cantine, orti e strade che conducono al fiume. Sono queste le vie attraverso le quali, in bicicletta, riesce ad allontanarsi dalla triste e monotona realtà quotidiana pedalando felice sulle ali del suo sogno: diventare corridore.
Suo padre lavora come caporeparto in una fabbrica che si trova di fronte alla casa, ma non è un uomo sereno: è orgoglioso del suo lavoro, ma non ne è un lavoro che soddisfi le sue ambizioni.
È un uomo pieno di fantasia e la sera fa comizi solitari dal balcone di casa: è il suo modo di sfogare le sue frustrazioni e Caterina lo guarda e lo capisce. Lui non riesce ad essere sereno neppure nell’ambiente familiare, con la moglie che si ritrova: bella, irrequieta e ambiziosa. E forse i suoi comizi fantasiosi lo fanno sentire felice…
La vita della bambina e della sua famiglia continua a trascorrere sempre con gli stessi ritmi, ma solo in apparenza: la realtà è ben diversa. E infatti nell’estate del 1964 un evento inaspettato ma forse temuto distrugge quel mondo fantasioso anche se crudele e infrange il sogno di Caterina di diventare corridore…
“Le notti sembravano di luna” è la storia di un’infanzia difficile ma vissuta sulla scia di un sogno che rappresenta la fuga da una quotidianità triste e pesante. Ed insegna che anche nelle situazioni più difficili non bisogna smettere di sognare e di sperare…per sopravvivere.
L’AUTRICE
Laura Bosio,
nata a Vercelli, vive e lavora a Milano. Nel 1977, con una tesi sulla storia del cinema, si è laureata in Lettere moderne all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Il suo romanzo d’esordio, I dimenticati, pubblicato da Feltrinelli nel 1993, ha ricevuto nel 1994 il Premio Bagutta nella sezione Opera Prima. Nel 1997 pubblica Annunciazione, vincitore del Premio Moravia. Nel 2007, con Le stagioni dell’acqua, è finalista nel Premio Rapallo Carige per la donna scrittrice e nel Premio Stresa 2007 di Narrativa . È autrice del soggetto e coautrice della sceneggiatura del film Le acrobate (1997), diretto da Silvio Soldini. Altri suoi romanzi: Le ali ai piedi, Mondadori 2002, Teresina. Storie di un’anima, Mondadori 2004, Annunciazione, Mondadori 1997.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>