Viaggio all’alba del millennio di Massimo Maugeri

di Blogger Commenta

Il romanzo parla del lungo viaggio del mercante Ben-Atar, che da Tangeri, nell’Africa settentrionale, va al Nord Europa, a Parigi, una cittadina ancora sperduta nella Francia Nord-Orientale, dove vive il nipote Abulafia con la moglie Esther-Mina.

Ben-Atar per molti anni ha condiviso con Abulafia una società mercantile. All’improvviso decide di andare dal nipote accompagnato dalle sue due mogli, dal socio israelita e da un rabbino spagnolo. A spingerlo ad un viaggio così pericoloso è un problema teologico, che ostacola il lavoro di Ben-Atar e il suo rapporto con Abulafia, il nipote prediletto che però ricambia questo grande affetto.

Il romanzo è ambientato nel 999, ad un passo dall’anno 1000. È un mix di racconti l’uno collegato all’altro. I temi sono eterogenei: stati d’ansia; incomunicabilità tra familiari; nevrosi; una lettera folle che un’assassina scrive al commissario che l’ha arrestata; una comica conversazione telefonica tra una nonna e un nipote; un giovane in coma; un ridicolo dialogo sull’immigrazione clandestina; uno scambio di battute che ha come oggetto la schizofrenia. Una girandola che si chiude con un racconto grottesco, che ha per protagonisti un gruppo di giovani e una Catania trasfigurata. Una struttura circolare in cui l’ultimo racconto ricollega tutti i racconti precedenti per agganciarsi infine al primo.

Un mix di grottesco e drammatico, di scherzo e suggestione: un ritratto degli anni che viviamo con le nevrosi, le ansie e gli inganni della mente. In sintesi il racconto del caos del nostro tempo.

L’AUTORE
Massimo Maugeri è uno scrittore nato a Catania nel 1968. Collabora con giornali e riviste. Suoi articoli sono apparsi sulle pagine culturali dei quotidiani ”La Sicilia”, ”Il Mattino”, ”Il Corriere Nazionale”, ”Il Riformista”, delle riviste letterarie L’Indice del libri del mese, Lunarionuovo, e degli e-magazine Kult Underground e Zam. Ha esordito in letteratura nel 2003 con la pubblicazione del racconto Muccapazza sulla rivista di letteratura Lunarionuovo: racconto che potrebbe rientrare nel cosiddetto genere postmoderno, caratterizzato da scrittura densa e stile tendente al barocco, e che stigmatizza i pericoli di Internet e delle chat line in particolare. Da gennaio 2010 collabora con il mensile di libri e letteratura ”Stilos” diretto da Gianni Bonina (distribuito in tutte le edicole d’Italia) con una lunga intervista rilasciata da Melania G. Mazzucco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>