Le perfezioni provvisorie di Gianrico Carofiglio

di Blogger Commenta

Le perfezioni provvisorie di Gianrico Carofiglio

Guido Guerrieri è avvocato. Le sue giornate trascorrono in equilibrio instabile fra il suo lavoro – un nuovo elegante studio, nuovi collaboratori, una carriera brillante – e la solitudine malinconica delle sue ore private

A questa malinconia Guido Guerrieri reagisce con il consueto senso dell’umorismo, la musica, i libri e le surreali conversazioni con il sacco da boxe, nel soggiorno di casa. Tutto inizia quando un collega gli propone un incarico insolito: cercare gli elementi per dare nuovo impulso a un’inchiesta di cui la procura si accinge a chiedere l’archiviazione.

Manuela, studentessa universitaria a Roma arrivata da Bari, è scomparsa in una stazione ferroviaria, dopo un fine settimana trascorso in campagna con gli amici. Guerrieri esita ad accettare l’incarico, più adatto a un detective che a un avvocato. Poi, per curiosità, inizia a studiare le carte e a incontrare i personaggi coinvolti nell’inchiesta.

Tra questi, la migliore amica di Manuela, Caterina. Una ragazza molto ‘troppo giovane’, bella e sfrontata. In parallelo con l’indagine, nasce e si sviluppa l’amicizia con Nadia, donna singolare e affascinante, dal passato burrascoso e ambiguo.

Una storia, un enigma con una soluzione imprevedibile. Una storia che affascina dall’inizio alla fine, che ancora una volta dimostra l’incredibile capacità di Gianrico Carofiglio di indagare e raccontare la natura umana. Se ne consiglia la lettura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>