Basta con Questa Italia! di Marco Della Luna

di Blogger Commenta

 Rivoluzione, secessione o emigrazione? – Il fallimento dello Stato mafio-massonico

Scopri quello che la Casta dei professionisti della politica e la Casta dei giornalisti nascondono sull‘organizzazione economica, politica e criminale del nostro Paese. I <strongparlamentari eletti nei collegi elettorali dominati dalla criminalità organizzata sono numericamente indispensabili per qualsiasi maggioranza politica, con qualsiasi premier e con qualsiasi legge elettorale. L’Italia è uno stato-mafia. Uno stato che non ha mai funzionato e che ora non sta più insieme. Forse è tempo di staccare la spina. Di dire basta.

Dietro il quadro, quasi folkloristico, di un’allegra brigata di politici ladri, il nostro Paese nasconde una situazione ben più allarmante: gli indici economici sono da fallimento e anche il tessuto sociale sta marcendo, la legalità è ridotta a una vernice screpolata, mentre da ampi settori della magistratura arrivano trame di intimidazione e condizionamento denunciate anche in parlamento.

Sui centri di potere italiani si consolida la proprietà finanziaria straniera, colonialista, che i nostri governanti hanno dotato di potenti strumenti informatici per sorvegliare e schedare i cittadini e le imprese. E al contempo, con risibili pretesti, impongono l’uso del falso denaro bancario in sostituzione della valuta legale.

Attraverso i suoi grandi finanzieri e i suoi uomini in politica e nelle istituzioni anche europee, il potere massonico deviato sta mandando l’Italia al dissesto finanziario ed economico, per poi assumerne il dominio in modo completo e irreversibile.

Oggettivamente, siamo al fallimento. Che fare, a questo punto? Rivoluzione, secessione o emigrazione?

Acquista online su Macrolibrarsi
Acquista online su Libripreziosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>