Ritorno a Riverton Manor di Kate Morton

di Blogger Commenta

La storia è ambientata a Riverton Manor, dove vive l’aristocratica famiglia inglese degli Hartford.
Durante la festa di inaugurazione della loro casa di campagna, presso il lago della tenuta viene ritrovato morto il giovane poeta Robert Hunter, loro ospite, del quale sono innamorate entrambe le sorelle Hartford. Il giovane Robert ha in mano una pistola. Naturalmente è scandalo. Ma soprattutto è dubbio generale: suicidio oppure omicidio? Purtroppo nessun testimone, tranne le sorelle Hannah ed Emmeline Hartford, che però non parlano.

Settant’anni dopo una produttrice americana decide di realizzare un film sull’accaduto e allora si rivolge a Grace Bradley, l’unica persona a conoscenza della verità su quella tragica notte. Era ancora un’adolescente quando era entrata a servizio dagli Hartford, ora ha quasi cent’anni e soffre e si emoziona moltissimo nel rievocare la sua vita e quella dei giovani Hartford, ai quali era molto legata: era la loro amica e la loro confidente e nel ricordarli viene sopraffatta dal dolore. Perché David è morto in guerra, mentre Hannah, intelligente e brillante, ha sposato un ricco americano senza amarlo.
L’AUTRICE
Kate Morton, australiana, a ventinove anni scrive il suo primo romanzo, che diventa subito un grande successo internazionale. Con Il giardino dei segreti conferma il suo talento e si afferma definitivamente sulla scena letteraria mondiale. Affascinata dall’Ottocento, si è laureata con una tesi sulla tragedia nella letteratura vittoriana e attualmente sta svolgendo un dottorato sul gotico nel romanzo contemporaneo. Vive a Brisbane con la famiglia e sta scrivendo il suo terzo libro. Il Giardino dei segreti è stato al vertice delle classifiche di Australia, Stati Uniti, Francia e Germania, e Amazon lo ha inserito tra i 10 migliori libri del 2009.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>